Hanno percorso il nostro Cammino in incognito?

In tanti ogni anno percorrono il nostro cammino . Ma quest’anno abbiamo avuto un ospite speciale quanto inatteso. Lo abbiamo saputo solo ora ricevendo un’email che allegava un report. L’Associazione Mystery Auditing Italia (https://www.mysteryauditingitalia.org/), nell’ambito del Progetto Cammini Italiani ha percorso in incognito il nostro cammino per verificarne la qualità e testarne la customer experience.

Come funziona?

Senza dir nulla agli organizzatori del cammino (in base alla metodologia di rilevazione in incognito UNI 13312-1) un “camminatore misterioso” (volontario, qualificato e con specifica preparazione, quindi professionista dell’auditing) si mette nei panni – anzi nelle scarpe – di un camminatore comune e valuta l’aderenza o meno agli indicatori metodologici, percorrendo il cammino stesso: segnaletica, percorso fisico, sicurezza, percorrenza da parte di donne sole, ospitalità, consapevolezza del territorio rispetto alla esistenza del Cammino). Il tutto viene poi raffrontato a quanto promozionato non solo dagli owner dei Cammini, ma anche dalle varie guide o siti predisposti.

E’ una vera e propria “Customer Experiences” rilevata dal vivo al termine della quale vengono elaborati i risultati e il tutto viene valorizzato in un report spedito agli organizzatori e fondatori del Cammino.

Com’è andata?

Beh, abbiamo ricevuto una doppia piacevole sorpresa. Perché il Cammino ha registrato tanti score positivi e il report ci ha dato anche qualche spunto di miglioramento. Insomma, abbiamo rafforzato la percezione che la visibilità e conoscenza del nostro Cammino sul territorio nazionale è in crescita!

Rispondi